COME RISPARMIARE RENDENDO LA NOSTRA CASA PIU’ ECO FRIENDLY: 7 CONSIGLI

Anche se le nuove frontiere della bioarchitettura e della bioedilizia lo consentono, non tutti hanno la possibilità di costruirsi una casa a zero consumi.

Tuttavia, esistono degli accorgimenti che possono migliorare l’impatto delle nostre azioni quotidiane sull’ambiente e, per fortuna, alleggerire il portafoglio.

 

Vediamo insieme alcuni pratici consigli da poter seguire

1) APPARECCHI ELETTRONICI

Scollegare dalla corrente gli apparecchi elettronici inutilizzati non è solo una precauzione da adottare per salvarli da eventuali sbalzi di tensione, ma può rivelarsi molto efficace per abbattere i costi in bolletta.

L’11% della cifra annuale per le bollette della luce è infatti dovuta al mancato accorgimento nello scollegare i nostri devices dalle prese della corrente. Se proprio non riusciamo a ricordarcene, possiamo pensare di acquistare delle multiprese capaci di auto-scollegare gli apparecchi elettronici quando sono in stend-by.

2) LUCI

Assicuratevi di installare un illuminazione con luci a Led per la vostra casa. Oltre ad illuminare di più gli ambienti, vi consentiranno di ridurre i consumi e di conseguenza risparmiare. Queste tipologie di luci infatti hanno una durata media di 25.000 ore (ben il 90% in più rispetto a delle comuni lampadine).

3) RISCALDAMENTO

Cosa c’è di più confortevole durante il freddo invernale che stare al caldo nella propria abitazione?

Ma tra questo e trasformare la propria casa in una sauna c’è molta differenza. Non è affatto sostenibile far salire l’indicatore del termostato a 30° gradi simulando l’estate in casa.

Una temperatura ragionevole per le nostre abitazioni durante la stagione invernale dovrebbe aggirarsi sui 20°-21° gradi. Se disponiamo di un riscaldamento autonomo potrebbe essere utile impostare il timer, così  eviterà di continuare a riscaldare l’ambiente anche quando non ci siamo o non lo stiamo utilizzando.

Se invece avete una stufa a legna o un caminetto basterà impostare un timer più corto assieme ad una temperatura della caldaia ancora più bassa. Starete ugualmente caldi, risparmierete inquinando meno i e probabilmente il minor sbalzo di temperatura da dentro a fuori non vi farà ammalare.

4) ELETTRODOMESTICI

Scegliere sempre elettrodomestici con la classe energetica più alta (A+, A++,A+++). La spesa iniziale talvolta può essere maggiore rispetto agli altri di classe energetica inferiore, ma questo investimento vi garantirà di abbattere i consumi e di conseguenza anche i costi. Nelle nostre case infatti il 60% dei consumi è dovuto all’utilizzo degli elettrodomestici.

Saper scegliere il più efficiente è importante per risparmiare e ridurre l’inquinamento. Un altro accorgimento importante sta nello scegliere sapientemente gli orari in cui utilizzarli. Informatevi inoltre dai vostri rifornitori di corrente elettrica: esistono delle fasce orarie in cui i costi energetici sono minori.

5) DISPERSIONE E ISOLAMENTO

Cosa hanno in comune le porte isolanti, il parquet, le pareti di legno e le finestre isolanti? Semplice, se inseriti tutti assieme nella vostra abitazione possono ridurre notevolmente la dispersione di calore e mantenere gli ambienti più confortevole nelle fredde stagioni.

Se non vi è possibile ristrutturare la vostra casa con questi elementi potete comunque adottare delle strategie efficaci. Una soluzione potrebbe essere utilizzare un intonaco isolante o imbiancare le pareti con vernici ecologiche in grado di mantenere il calore.

6) DIFFERENZIATA E COMPOST

Fare la raccolta differenziata è più facile di quanto sembri. Ormai quasi ogni prodotto riporta sul retro dove deve essere gettata la confezione. Altrimenti con una breve ricerca su internet è possibile scaricare dei file dove sono riportati i prodotti suddivisi per categorie a seconda di dove devono essere gettati. Oppure ancora, se non vi è già stato dato, potete recarvi presso il comune più vicino e richiedere dei foglietti informativi su come eseguire la raccolta differenziata.

Insomma, con il minimo sforzo è possibile differenziare i rifiuti e contribuire farli diventare una risorsa. Ebbene sì, i rifiuti se riciclati possono diventare una grande risorsa ed essere trasformati in nuovi prodotti. Se credete che fare la raccolta differenziata porti via molto tempo potete acquistare dei contenitori e applicare su di essi un’etichetta a seconda del materiale che dovete gettarvi dentro. In questo modo risparmierete molto tempo.

Se ne avete la possibilità potrebbe essere utile anche produrre del compost. Per farlo, basta raccogliere i rifiuti organici (avanzi, scarti di frutta e verdura, cibo scaduto, carta da cucina…) in un contenitore abbastanza capiente e lasciare che in 5/6 mesi si formi il terriccio che dopo 1 anno circa potrà essere utilizzato per concimare piante e fiori. Semplice vero?

7) ACQUA

Quanto è importante l’acqua? E’ alla base della vita e anche se la maggior parte del Pianeta è formato da acqua, purtroppo quella potabile e a disposizione dell’uomo non è molta. La maggior parte dell’acqua potabile viene poi utilizzata in agricoltura e ogni giorno sono sprecati centinaia di migliaia di metri cubi di acqua. Ognuno di noi può contribuire alla riduzione degli sprechi di questa sostanza così preziosa con dei semplici accorgimenti.

Ad esempio, è preferibile la doccia rispetto alla vasca da bagno in quanto ci permette di ridurre il 50% dei consumi. Quando ci laviamo insaponiamo il viso, passiamo lo spazzolino tra i denti o insaponiamo i capelli è opportuno tenere chiusi i rubinetti. Invece per lo scarico del WC è intelligente inserirne uno dotato di doppio pulsante (grande e piccolo).

Anche quando laviamo piatti, bicchieri, posate e pentole è preferibile insaponarli con il rubinetto chiuso e sciacquarli solo successivamente. Se non sono in grande quantità è  sempre meglio evitare l’utilizzo della lavastoviglie.

Questi sono piccoli accorgimenti quotidiani che non costano fatica e che ognuno di noi può permettersi di attuare per risparmiare e per minimizzare l’inquinamento. Ricordiamoci che ogni gesto conta perché, anche se piccolo, ripetuto da milioni e milioni di persone può diventare davvero grande e fare la differenza.

#LessGrayMore Green